Cap. 3.4

July 16, 2017 | Author: eye_fab-oftal2432 | Category: Screening (Medicine), Visual Acuity, Visual System, Medicine, Clinical Medicine
Share Embed Donate


Short Description

Gli strabismi e le anomalie della motilità oculare...

Description

3

Capitolo 3 • L’ambliopia  | 

191

L’AMBLIOPIA

Emilia Gallo

Ortottista – Assistente in Oftalmologia – Unità Operativa Complessa di Oftalmologia – A.R.N.A.S. Garibaldi Nesima Catania

L’ambliopia: utilità della prevenzione e della diagnosi precoce

Antonio Rapisarda

Direttore – Unità Operativa Complessa di Oftalmologia ARNAS Garibaldi Nesima - Catania

La prevenzione ha acquisito in sanità, nel corso degli anni, un valore sempre più elevato; la possibilità di correggere stili di vita ed abitudini, al fine di contrastare l’insorgenza di patologie spesso anche invalidanti, ha convinto le istituzioni di tutto il mondo ad investire risorse sempre maggiori su progetti di prevenzione. Inoltre, in un periodo storico in cui la razionalizzazione delle risorse, anche in sanità, è al centro di ogni dibattito, ha acquisito un valenza fondamentale l’EVA (Economic Value Added) che deve essere considerato anche in questo tipo di progetti1. Dieci criteri sono stati sviluppati dal World Health Organization (WHO), sì da fornire un riferimento per la valutazione degli screening di salute, sia per la fattibilità dei progetti che per i potenziali benefici. Un tentativo di compensare la disomogeneità dei programmi di screening (tra i quali quelli visivi) attuati nei vari paesi. In particolare, i risultati innegabili che la prevenzione in oftalmologia ha prodotto, e l’alto impatto sociale che producono le patologie invalidanti oculari, hanno spinto, anche organizzazioni private, ONG, enti morali e club service a convoglia-

192  | 

GLI STRABISMI E LE ANOMALIE DELLA MOTILITÀ OCULARE

Figura 1. Alcuni fra i programmi internazionali di prevenzione visiva

re energie e risorse economiche in questo settore. Questo ha fatto sì che la disabilità visiva, oggi venga intesa come un male evitabile. Nella galassia di iniziative volte a prevenire l’insorgere di malattie oculari, trova una sua precisa collocazione la prevenzione dell’ambliopia. Recenti studi hanno evidenziato vantaggi e limiti degli screening per l’ambliopia, sottolineando l’innegabile evidenza dei programmi attuati ma, per contro, ricorda come questi non siano testati in trials rigorosamente controllati9. In tutti i paesi del mondo sono presenti sistematici programmi di screening visivi finalizzati all’individuazione precoce dell’ambliopia; uno degli studi più accreditati sugli effetti degli screening visivi è l’olandese RAMSES (Rotterdam Amblyopia Screening Effectiveness Study) che monitorizza gli effetti dei programmi di screening in Olanda producendo anche dati comparativi con altri paesi europei ed extraeuropei che prevedono programmi di screening visivo istituzionalizzati e quindi capaci di fornire dati epidemiologici affidabili2. L’Italia è fuori da questo circuito, poiché il nostro sistema sanitario non prevede alcun programma di prevenzione visiva dell’infanzia. L’attuale legislazione ha affidato ai pediatri di base il compito di effettuare un primo controllo visivo avvalendosi del test dell’acuità visiva e del test di Lang per la valutazione della stereopsi. A livello regionale, sul territorio, sono presenti programmi di screening visivo, ma senza alcun coordinamento e senza continuità. Alcune regioni, come il Friuli, sono riuscite ad istituzionalizzare un programma di prevenzione visiva integrato al più ampio programma di prevenzione della salute del bambino; che vede impegnati pediatri di base, oculisti ed ortottisti. Sarebbe certamente auspicabile l’emanazione di

linee guida nazionali sì da poter rendere omogenei i vari interventi di prevenzione visiva in atto nel nostro paese, ed un intervento di programmazione nazionale che coordini le varie iniziative riconducendole ad un metodo comune. Attualmente è allo studio in Italia una ipotesi di protocollo di prevenzione che vede coinvolte la figura del pediatra di base e dell’ortottista per un intervento di primo livello, oculista ed ortottista in sinergia sia per un secondo che per un terzo livello diagnostico terapeutico e riabilitativo. In effetti dalla triangolazione di queste figure risulta un sistema, capace di creare una rete di controlli tale da ridurre al minimo il numero di bambini che fisiologicamente possono sfuggire allo screening. Particolare non trascurabile, il valore aggiunto di un programma organico di prevenzione sarebbe quello di contribuire all’elaborazione di un banca dati epidemiologica di settore che attualmente in Italia non esiste.

Figura 2. Uno ogni 20 bambini è affetto da ambliopia

Gli screening visivi possono effettuarsi in età preverbale (1-24 mesi) ed in età prescolare (3672 mesi): lo screening in età preverbale contribuisce ben poco all’individuazione di una ambliopia refrattiva, il controllo dell’acuità visiva nella fascia di età prescolare, a partire dai tre anni in

Capitolo 3 • L’ambliopia  | 

193

particolare, gioca invece un ruolo più definito nella individuazione dell’ambliopia.

Figura 3. Ottotipi

Il test di elezione usato in tutti gli screening resta quello dell’acuità visiva; i metodi più usati: E di Albini, C di Landolt, Lea symbols, ETDRS. Numerosi studi hanno confermato che il solo test dell’acuità visiva per lontano, se può essere sufficiente per evidenziare una spiccata ambliopia, non può invece bastare a segnalare la presenza di difetti refrattivi che, se non corretti in tempo, possono diventare ambliogeni. Gli screening quindi più efficaci sono stati quelli in cui si sono associati altri test: cover test, esame della motilità, lettura per vicino, senso cromatico, retinoscopia. L’età migliore per l’esecuzione degli screening visivi è intorno ai 3 anni – 3 anni e mezzo. Il limite, in Europa come oltreoceano, è che non vi è una

standardizzazione dei protocolli3,4. L’ambliopia resta una causa comune di deficit visivo (circa 3%) nei paesi più sviluppati a dispetto del fatto che sia assolutamente prevedibile e curabile. D’altronde, vi è una mancanza di evidence basis riguardo gli screening visivi. La validità degli screening visivi è supportata da una modesta evidenza di efficacia semplicemente perché i suoi benefici sembrano troppo ovvi. Fra i bambini in età scolare non vi sono prove completamente randomizzate di efficacia. Una componente importante per ogni programma di prevenzione resta inoltre, l’informazione del paziente, della famiglia e delle istituzioni, ed è essenziale per l’elaborazione di una strategia, come è essenziale che questa sia valutata con cura, considerata l’esiguità delle risorse economiche stanziate per la salute4.

194  | 

GLI STRABISMI E LE ANOMALIE DELLA MOTILITÀ OCULARE

I programmi di screening sono multipli, sequenziali e complicati ma i risultati vanno valutati in termini clinici, umani ed economici. Ampio spazio è stato riservato al dibattito su quale fosse l’età più appropriata di intervento, le conoscenze fisiopatologiche ci inducono a ritenere che il periodo in cui lo sviluppo visivo consente ancora un ragionevole margine di intervento è da porsi fra i 3 ed i 5 anni di età. Possiamo individuare due fasi dello sviluppo visivo: una fase prenatale influenzata da fattori genetici, ed una seconda fase, in cui la maturazione postnatale è condizionata da fattori genetici associati a fattori ambientali. Alla nascita la corteccia visiva è immatura sia anatomicamente che funzionalmente, è solo nel corso dei primi mesi di vita che si evidenziano i primi cambiamenti grazie all’influenza ambientale che regola una maturazione strutturale geneticamente predeterminata.

Indispensabile per la verifica del corretto funzionamento del sistema visivo è il test dell’acuità visiva. L’acutezza visiva è approssimativamente quantificabile già nelle prime settimane di vita con lo studio delle risposte: • riflesse (N.O.C.) • elettrofisiologiche (PEV) • comportamentali (scelta di sguardo preferenziale)

Figura 5. Lea Test - Test usato per stabilire la visione preferenziale nei bambini

Figura 4. Sviluppo prenatale del cervello

Lo sviluppo dipende quindi dall’esperienza visiva acquisita in un breve periodo plastico, definito “periodo critico”, a sua volta, l’esperienza visiva modula il livello e la conformazione dell’attività neuronale, ed ha un ruolo strutturante dello sviluppo della visione.

Con il metodo della visione preferenziale si è potuto attribuire orientativamente un visus di: • 1/40 nel neonato • 1/10 a 3 mesi • 10/10 a 3-5 anni. Recenti studi hanno dimostrato che con i PEV l’acutezza visiva al 6° mese è simile a quella dell’adulto. La stabilizzazione del visus avviene intorno agli 8-9 anni. In ragione di ciò, afferenze sensoriali adeguate e corrette sono il supporto per un armonico e regolare sviluppo del sistema visivo, se inadeguate o alterate sono responsabili di deficit sensoriali più o meno gravi5. Ecco il motivo per cui sono sempre più diffusi gli screening precoci che mirano a scongiurare la presenze di patologie congenite ambliogeniche, riducendo significativamente la prevalenza e la severità dell’ambliopia nel bambino6. Gli screening visivi effettuati in epoca successiva, in età prescolare, individuano in maniera attendibile disordini oculari e visivi. La maggior

Capitolo 3 • L’ambliopia  | 

parte di queste condizioni vengono scoperte quindi prima dei 6 anni, e comparando i dati con fasce di popolazione non sottoposti a screening, si è evidenziato come la prevalenza dell’ambliopia è fortemente ridotta nei bambini controllati dal programma di prevenzione7,8. Ricordiamo come circa l’80% delle informazioni che concorrono al processo cognitivo avvengono attraverso la vista, questo è sufficiente a far comprendere il motivo che spinge tutti coloro che si occupano di salute pubblica a considerare i programmi di prevenzione della salute visiva ai

195

primi posti dei progetti di prevenzione. Neurologi, Psicologi ed Oftalmologi hanno evidenziato come siano profonde le implicazione del sistema visivo nei disturbi specifici dell’apprendimento, e la cura delle alterazioni oculari ricopre un ruolo sempre più evidente nell’intervento multidisciplinare che questo tipo di disturbi richiede. Assicurare, quindi, ad ogni individuo le migliori condizioni di sviluppo del sistema visivo significa garantirgli un futuro migliore. È un dovere lavorare a che diventi un diritto per tutti.

BIBLIOGRAFIA

1. Beauchamp CL, Felius J, Beauchamp GR. The economic value added (EVA) resulting from medical care of functional amblyopia, strabismus, (pathologies of binocular vision) and asthma. Department of Ophthalmology, University of Texas South Western Medical Center, Dallas, TX, USA. Binocul Vis Strabismus Q. 2010;25(4):206-16 2. Groenewoud JH, Tjiam AM, Lantau VK, Hoogeveen WC, de Faber JT, Juttmann RE, de Koning HJ, Simonsz HJ. Rotterdam Amblyopia screening effectiveness study: detection and causes of amblyopia in a large birth cohort. Departments of Public Health, Erasmus Medical Center (MC), University Medical Center Rotterdam, Rotterdam, The Netherlands. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2010 Jul;51(7):3476-84. Epub 2010 Jan 20 3. Evans J, Smeeth L, Fletcher A. Vision Screening. British Journal of Ophthalmology. 93 (20090: 704-705. Accessed on 13 October 2010 4. Rowatt A. Field evaluation of the Welch Allyn SureSight Vision Screener: Incorporating the Vision in Preschoolers study recommendations. Journal of American Association for Pediatric Ophthalmology and Strabismus. 11.3 (20070: 243-248. Accessed on 14 October 2010.

5. Bianchi PE. Lo sviluppo della funzione visiva - Atti del congresso Corso di Aggiornamento teorico Pratico di Oftamologia Pediatrica. Catania 16-17 marzo 2007 6. Schmucker C, Grosselfinger R, Riemsma R, Antes G, Lange S, Lagrèze W, Kleijnen J. Effectiveness of screening preschool children for amblyopia: a systematic review. BMC Ophthalmology 2009, 9:3  doi:10.1186/14712415-9-3 7. Eibschitz-Tsimhoni M, Friedman T, Naor J, Eibschitz N, Friedman Z. Early screening for amblyogenic risk factors lowers the prevalence and severity of amblyopia. Department of Ophthalmology, Kellogg Eye Center, University of Michigan, J AAPOS. 2000 Aug;4(4):194-9 8. Kvarnström G, Jakobsson P, Lennerstrand G. Visual screening of Swedish children: an ophthalmological evaluation. Department of Ophthalmology, Linköping University Hospital, Sweden. Acta Ophthalmol Scand. 2001 Jun;79(3):240-4 9. Campos EC. Strabismo. Manuale di diagnosi e terapia 10. von Noorden GK, Campos EC. Binocular Vision and Ocular Motility. Theory and management of strabismus

View more...

Comments

Copyright ©2017 KUPDF Inc.